//start hide sticky header on scroll down, show on scroll up //end

SLOW WINE FAIR, LA FIERA INTERNAZIONALE DEL VINO BUONO, PULITO E GIUSTO

Dal 23 al 25 febbraio 2025, a BolognaFiere, la 4a edizione di Slow Wine Fair

Slow Wine Fair, l’unica fiera internazionale dedicata al vino buono, pulito e giusto, frutto di un’agricoltura sostenibile, torna per la quarta edizione a BolognaFiere da domenica 23 a martedì 25 febbraio 2025. Organizzata da BolognaFiere e SANA, Salone internazionale del biologico e del naturale, con la direzione artistica di Slow Food, la Slow Wine Fair si arricchisce ulteriormente grazie alla concomitanza con SANA Food, il nuovo format sul mondo dell’alimentazione sana e bio.

Slow Wine Fair 2024 si è chiusa in febbraio con un bilancio molto positivo: 12.000 ingressi (+25% rispetto al 2023), il 70% dei quali di operatori del settore. Le 1.000 cantine espositrici (+40%), per oltre la metà certificate biologiche, biodinamiche o in conversione, hanno proposto più di 5.000 etichette qualificate, scelte in base ai requisiti fissati nel Manifesto Slow Food del vino buono, pulito e giusto, alla guida Slow Wine e alle valutazioni di una commissione di esperti. Assai ampio il ventaglio delle provenienze: presenti tutte le regioni italiane e 27 Paesi del mondo, con oltre 170 produttori esteri e le new entry di Australia, Giappone, Messico, Sudafrica e Svezia.

A Slow Wine Fair sono stati fissati migliaia di appuntamenti professionali tra cantine, operatori e 200 buyer internazionali selezionati, creando così le premesse per l’accesso degli espositori a nuovi mercati. Un risultato raggiunto con il supporto di ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, e della piattaforma B2Match.

Sold out conferenze e masterclass, e molto apprezzati anche la Fiera dell’Amaro d’Italia di Amaroteca e ANADI – Associazione Nazionale Amaro d’Italia, dove 23 produttori d’eccellenza hanno raccontato storia e metodi produttivi dei propri amari, l’inedito Slow Bar, con incontri e degustazioni legati agli spirits, e l’area dei partner della sostenibilità, che ha messo in luce tecnologie, impianti, attrezzature e servizi innovativi connessi alla filiera del vino.

slowinefair.slowfood.it

Articoli Correlati

Si è chiuso il salone di riferimento dell’agroalimentare italiano che si è svolto a Fiere di Parma dal 7 al 10 maggio La ventiduesima edizione di Cibus a Fiere di Parma si è chiusa con oltre 75mila presenze (+25% rispetto al 2022). Un’edizione da record per numero di brand (3.000) e buyer (3.000) presenti, che...

Consumatori sempre più attenti a sprechi e sostenibilità, per 2 italiani su 3 il packaging ha un ruolo decisivo nelle scelte d’acquisto La ricerca di Federalimentare-Censis: il 93% degli italiani ritiene importante tutelare e potenziare le industrie italiane, come quella alimentare Lo studio dell’Osservatorio Packaging del Largo Consumo curato da Nomisma: per il 46% dei...

Il food Made in Italy sempre più competitivo a livello internazionale Taglio del nastro con il Ministro del Made in Italy e delle Imprese Adolfo Urso e il Ministro dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste Francesco Lollobrigida. Lo studio dell’Università Cattolica: nel decennio 2013 – 2023 la crescita italiana nell’export agrifood è stata del...

Pronte per conquistare il mercato nazionale ed estero. Innovazione tra tradizione e contaminazione, nel segno del gusto, della sostenibilità e del benessere Tra le novità più curiose i lecca-lecca musicali, l’uovo vegetale, il salame al tartufo con copertura di parmigiano e il chutney all’aceto balsamico di Modena L’anno del collagene, il proteico presente in un’ampia gamma...