//start hide sticky header on scroll down, show on scroll up //end

Il Premiolino, il premio giornalistico più antico d’Italia

Giugno 24, 2015

Milano, 23 giugno 2015. Irene Rizzoli, Product Development Manager di Delicius, ha preso parte ieri, lunedì 23 giugno a Milano, in occasione di Expo 2015, al convegno internazionale dal tema “Nutrire il pianeta. Il contributo dell’economia del mare”, organizzato dalla Federazione del Mare con la collaborazione di Promos Milano e con il patrocinio di EXPO 2015.

La giornata – inserita nel calendario ufficiale degli eventi Expo in città – ha concentrato una serie di dibattiti sull’apporto delle attività marittime alla distribuzione e alla produzione di merci alimentari, nel mondo e in Italia, ed è stato promosso da Federazione del Mare che, dal 1994, raggruppa tutte le organizzazioni più rappresentative del maritime cluster italiano.

IR002Irene Rizzoli ha partecipato alla tavola rotonda, che è seguita alla presentazione del rapporto “Feeding the Planet: the Maritime Economy Contribution” – che evidenzia come il trasporto marittimo di alimenti, la pesca e l’itticoltura rivestano un’importanza cruciale nel rendere possibile lo sviluppo dell’economia agro-alimentare e una soddisfacente nutrizione della popolazione mondiale – in qualità di rappresentante di un’azienda leader nel mercato ittico che sviluppa, produce e commercializza conserve di pesce da oltre 40 anni.

Il suo intervento si è concentrato proprio sulla necessità delle best practice: dal momento che i prodotti ittici sono sempre più importanti nell’alimentazione mondiale perché il pesce ha il grande potenziale di rispondere all’aumentata domanda di cibo di una popolazione mondiale in crescita, l’unico modo per continuare a disporne è avere rispetto delle risorse del mare e gestirle in modo che continuino a fornire occupazione e cibo.

“La salute del nostro pianeta e il futuro della sicurezza alimentare dipendono da come trattiamo il mare: per questo è necessario che ci sia una gestione sostenibile e responsabile delle risorse acquatiche” – ha dichiarato Irene Rizzoli – “Noi di Delicius perseguiamo da sempre questa filosofia e pensiamo che sia fondamentale estendere le buone pratiche, costruire partnership, fare lavoro di sensibilizzazione e sviluppare capacità, insieme a politiche e strategie adeguate perché qualità e sostenibilità siano sempre un binomio imprescindibile”.

“Siamo molto felici che Irene Rizzoli abbia accettato il nostro invito a partecipare alla tavola rotonda che si è tenuta oggi a Milano. L’industria ittica è strategica per il cluster marittimo e un sempre maggior rapporto fra produzione e trasporto marittimo è uno dei fattori che può contribuire a uno sviluppo eco-sostenibile del nostro sistema alimentare e del trasporto marittimo che lo distribuisce nel mondo, tra l’altro con un impatto ambientale ridotto.” – ha dichiarato Carlo Lombardi, Segretario Generale della Federazione del Mare.


FEEDING THE PLANET: IL CONTRIBUTO DELL’ECONOMIA MARITTIMA

Presentato oggi in Camera di Commercio a Milano lo studio di Federazione del Mare 5.800 miliardi le tonnellate-chilometro prodotte dal trasporto marittimo di merci alimentari 160 milioni le tonnellate prodotte dalla pesca  Milano, 22 giugno 2015  – Si è tenuta oggi a Milano, presso la Camera di Commercio, la presentazione del rapporto ‘Feeding the Planet: the Maritime Economy Contribution’,realizzato dalla Federazione del sistema marittimo italiano assieme a D’Appolonia (Gruppo Rina) per la parte internazionale e al Censis per quella italiana.  Nel suo intervento d’apertura, il presidente della FederazionePaolod ’Amico ha dichiarato: “E’ con grande soddisfazione che presentiamo il  rapporto Feeding The Planet: The Maritime Economy Contribution e che lo facciamo a Milano, principale centro economico italiano, in connessione con Expo 2015. E’ importante essere qui e sottolineare come il mondo del mare sia un fattore di sviluppo anche per l’industria agro-alimentare, fiore all’occhiello della nostra economia.

Il rapporto evidenzia come le attività marittime svolgano un ruolo fondamentale nell’assicurare l’alimentazione mondiale con efficienza energetica e sostenibilità ambientale. Quello marittimo è il 65% del trasporto globale di cibo e le emissioni di CO2 corrispondenti sono solo pari al 12%. Ogni tonnellata trasportata viaggia per oltre 5.500 miglia (10.500 km). Il commercio marittimo assicura l’interscambio di merci agricole e alimentari, mettendo in comunicazione aree continentali altrimenti isolate e obbligate solo a scambi terrestri. Le attività marittime servono il 90% del commercio mondiale, che nell’ultimo decennio è cresciuto da 6 a 10 miliardi di tonnellate e salirà nel 2030 a 17 miliardi. L’integrazione tra le varie aree del pianeta e il loro sviluppo, non sarebbero possibili senza il contributo del mare”.

Successivamente ha preso la parola Andrea Maria Ferrari, responsabile unità Trasferimento tecnologico di D’Appolonia, che ha illustrato il quadro mondiale dei traffici marittimi di beni agricoli e alimentari e della produzione ittica.E’stata poi la volta di Giorgio De Rita, segretario generale del Censis, che ha presentato la materia con riferimento al mercato italiano.  Sono poi seguite due tavole-rotonde, che hanno visto la partecipazione di Giorgio BALZARETTI, consigliere della Camera di commercio di Milano, Khouloud BOUGHLALA, consigliere economico dell’Ambasciata del Marocco, Mohamed BENALI, console generale del Marocco a Milano, Riccardo FUOCHI, presidente dell’International Propeller Clubs – Port of Milan, Paola IMPERIALE, coordinatrice Mare del ministero degli Affari esteri, Umberto MASUCCI, vicepresidente della Federazione del Mare, Marcela VILLAREAL, vicedirettore della FAO, Felicio ANGRISANO, comandante generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Luca FLORENZANO, direttore Marine Claims della SIAT, Luigi GIANNINI, vicepresidente di Federpesca, Irene RIZZOLI, titolare di Delicius Rizzoli SpA, Roberto ZUCCHETTI, coordinatore area Trasporti di Certet – Università Bocconi.  LO SCENARIO INTERNAZIONALE. Il trasporto marittimo di merci alimentari ha raggiunto 5.800 miliardi di tonnellate-chilometro (unità di misura del trasporto che definisce non solo il peso delle merci, ma anche le distanze da esse percorse).

I volumi trasportati via mare contano oggi circa 100milioni di tonnellate di alimenti deperibili (carne e pollame, frutta e verdura, pesce, latticini, altre categorie)e circa 400 milioni di tonnellate di granaglie(frumento, altri cereali, soia). I container refrigerati (reefer) sono  il 14% del numero globale di TEU. Sui100milioni di tonnellate deperibili trasportate via mare, il 76% è trasportato in reefer. Il trasporto via mare di granaglie è aumentato del 3.2% su base annua. La produzione globale di pesce è pari a 160 milioni di tonnellate ed il volume globale dell’import-export ha raggiunto58milioni di tonnellate, con un picco di valore pari a 130miliardi di dollari (Fonte d’Appolonia)  L’ITALIA.I flussi di prodotti agro-alimentari diretti all’estero sono pari a circa 22,5 milioni di tonnellate,per 34,3miliardi di euro. Gli armatori italiani svolgono un ruolo di rilievo a livello mondiale, con 264 navi da carico secco alla rinfusa o containerizzato utilizzabili per queste mercie oltre 8,2 milioni di stazza lorda. Il trasporto di prodotti agro-alimentari attraverso i porti italiani ammonta a 26,2milioni di tonnellate(7% del totale delle merci movimentate per via marittima). I traffici marittimi internazionali sono  il 72%, per 18,9milioni di tonnellate, a fronte di 7,3milioni di tonnellate che da porti italiani si imbarcano verso altri porti del Paese.

Quattro sono i porti di riferimento, in termini di volumi:  Ravenna, che con quasi 3,5milioni di tonnellate movimentate è l’hub incontrastato dell’agrifood, Livorno (2,8milioni), Venezia (2,5milioni) , Gioia Tauro (2,4milioni). Chioggia, Bari e Ancona,pur presentando volumi inferiori,sono i porti a maggiore vocazione agricola ed alimentare, con una quota di queste merci sul totale che varia tra il 43,4% al porto di Chioggia, il 41,6% in quello di Bari e il 32,5% ad Ancona. Sotto il profilo della pesca, l’Italia occupa la sesta posizione continentale in termini di produzione di pesce, con 363mila tonnellate (il 6,2% del totale). Forte è il trend dell’acquacoltura (+9,1%), che oggi sfiora il 45% del prodotto,con quasi 163mila tonnellate. (Fonte Censis).

Sintesi sugli aspetti internazionali del contributo dell’economia del mare all’alimentazione (curati da D’Appolonia)  L’economia marittima gioca un ruolo centrale nel supporto all’alimentazione del pianeta.

Il mare fornisce direttamente cibo, sotto forma di pescato (sia da cattura che da acquacoltura), ed al contempo il trasporto marittimo garantisce la disponibilità di alimenti in tutto il mondo, in maniera costo-efficace e sostenibile.Il trasporto marittimo è un eccellente motore per il processo di globalizzazione: su un totale di 12 miliardi di tonnellate si stima che l’80% dei beni in volume (9,6 miliardi di tonnellate) e il 70% per valore viaggino via mare, transitando attraverso i porti di tutto il mondo.  Tenendo in conto i generi trasportati, che contribuiscono al valore globale nei diversi modi, sorprendentemente il trasporto marittimo contribuisce all’emissione di solo il 12% dei gas-serra rispetto al totale.  Sul totale di merci spostate via mare, è possibile estrarre un eloquente dato di 5.800 miliardi di ton-km per gli alimenti, valore mediato sulle tratte più importanti per i diversi generi alimentari.

In valori assoluti, i volumi di cibo trasportati via mare contano oggi circa 100 milioni di tonnellate di alimenti deperibili e circa 400 milioni di tonnellate di granaglie.  I primi sono trasportati, nel rispetto della catena del freddo, sia in contenitori refrigerati, che alla rinfusa in navi refrigerate; le granaglie sono trasportate alla rinfusa in navi bulk carrier. Cina ed Africa saranno responsabili rispettivamente del 32% e del 19% delle importazioni globali di cibo entro il 2050, per poter sfamare popolazioni che crescono numericamente, ed evolvono le proprie esigenze verso una maggiore varietà e globalizzazione.

Tali proiezioni sono pari a 8000 miliardi di ton-km e 500 milioni di tonnellate per la Cina, e 4700 miliardi di ton-km e 320 milioni di tonnellate per l’Africa.

Il trasporto internazionale di beni a temperatura controllata ha seguito l’incremento del trasporto di generi alimentari, testimoniando al contempo un’evoluzione dal trasporto alla rinfusa refrigerato a quello incontainer refrigerati (reefer), che oggi costituiscono il 14% del numero globale di TEU.  Una quantità di oltre 800 miliardi di ton-km costituisce il dato globale di trasporto marittimo per diversi generi deperibili, pari a un volume complessivo di circa 100 milioni di tonnellate, suddivise fra carne e pollame, frutta e verdura, pesce, latticini ed altre categorie.  Su questi, il 76% è trasportato in reefer; il rimanente, in costante diminuzione, come carico bulk in navi refrigerate.  Il trasporto via mare di granaglie è aumentato del 3.2% su base annua, arrivando ad un totale di circa 400 milioni di tonnellate di grano e soia nel 2013, per un valore complessivo di 5.000 miliardi di ton-km.  La Cina ha più che raddoppiato il volume di grano importato fra il 2012 e il 2013: da 9.1 a 19.8 milioni di tonnellate, collocandosi al sesto posto dopo Giappone, Egitto, Sud Corea, Messico e Arabia Saudita.

Il più importante esportatore al mondo sono gli USA.  IL PESCATO La produzione globale di pesce è pari a 160 milioni di tonnellate.La crescente importanza del ruolo del pesce nella nutrizione dell’uomo si può evincere dalla crescita della produzione di pesce, assestata su un valore medio costante del 3.2% dal 1950 ad oggi: nello stesso periodo la crescita della popolazione è stata in media dell’1.6% annuo. Ogni essere umano consuma su base annua in media19.2 kg di pesce: tale valore è in continua crescita, e si prevede che il trend continui.

Un dato molto importante mette in relazione l’evoluzione della cattura di pesce con l’acquacoltura: la prima ha raggiunto un livello stabile di circa 92 milioni di tonnellate all’anno a partire già dal 1995, mantenendolo  fino ad oggi, mentre la seconda mostra un valore annuo medio di crescita pari all’8.3%.  Potendo contare sia su allevamenti in mare che in acque interne, l’acquacoltura è responsabile della crescita dell’intero settore, con una produzione di 67 milioni di tonnellate nel 2012.

Di tale valore, una notevolissima quota del 62% è legata alla produzione cinese.  Il valore globale dell’esportazione di pesce ha raggiunto nel 2012 il volume di 58 milioni di tonnellate ed un picco di valore pari a 130 miliardi di dollari, picco destinato a crescere ulteriormente in futuro.  A trainare il mercato globale è stata la Cina, che oltre a rivestire un ruolo primario nella produzione, ha raggiunto il terzo posto dopo USA e Giappone per volume di importazione. Questo duplice ruolo è in parte legato a lavorazione e conservazione del pesce fresco (la Cina importa un rilevante quantitativo di pesce per processarlo ed esportarlo sotto forma di prodotto conservato) e in parte ad un sostenuto incremento del consumo pro-capite.  Con 47 miliardi di dollari e il 36% della quota sull’importazione globale di pescato, l’Europa rappresenta il primo mercato a livello globale.

Sintesi sugli aspetti italiani del contributo dell’economia del mare all’alimentazione (curati dal Censis)  Pur in uno scenario economico fortemente globalizzato e interconnesso, i flussi internazionali di merci che coinvolgono l’Italia sono in netta flessione; il settore dei trasporti, tuttavia, al suo interno ha reagito in maniera differenziata alla generale contrazione degli scambi.

Oggi i traffici marittimi si attestano all’86,9%dei valori del 2008, mentre quelli stradali si fermano al 67,3%. In Italia sono circa 500 milioni le tonnellate movimentate nei porti marittimi. Il ruolo del mare e il suo effettivo contributo al trasporto delle merci, tuttavia,si amplificano se in luogo della tonnellata si utilizza come unità di misura la tonnellata-chilometro, che oltre a definire il peso delle merci trasportate ne considera le distanze percorse. In base ai dati strutturali forniti dal ministero delle Infrastrutture e dei trasporti,il trasporto marittimo di cabotaggio mostra un traffico pari a 47,4 miliardi di tonnellate-km di merci movimentate nel 2013, a fronte dei 102,6 miliardi riferiti all’autotrasporto. Il rapporto tra gomma e mare nel trasporto delle merci si è andato progressivamente riequilibrando nel corso degli ultimi anni: rispetto al 2008, infatti, la quota di traffici detenuta dal trasporto stradale si è ridotta di 5,7 punti percentuali a vantaggio delle navi (+4,5 punti), che oggi movimentano quasi il 30% delle merci totali (29,1%).

Il ruolo del mare risulta ancora più significativo se ci si focalizza sul trasporto dei prodotti agricoli e alimentari. Sono in particolare i flussi di prodotti agricoli e alimentari diretti all’estero a confermarsi vitali, con circa 22,5 milioni di tonnellate di merci assorbite lo scorso anno che hanno fruttato 34,3 miliardi di euro. Dai prodotti agricoli e alimentari discende, dunque, una peculiare quanto consistente domanda di trasporto, che per ampi tratti è soddisfatta dagli operatori del mare, tra i quali gli armatori italiani svolgono un ruolo di primo piano a livello mondiale, con le 264 navi da carico (e oltre 8,2 milioni di stazza lorda) utilizzabili per il trasporto di derrate agricole e alimentari, tra portacontainer, portarinfuse, traghetti per trasporti RO-RO e navi-cisterna.

Il trasporto di prodotti agricoli e alimentari attraverso i porti italiani ammonta nel 2013 a 26,2 milioni di tonnellate, corrispondenti a circa il 7% del totale delle merci movimentate. Tale quota, tuttavia, sale fino al 13,1% (a fronte del 18,7% di quelle che si muovono su strada e di appena il 7,7% su ferro) se si escludono dal computo i carboni fossili, il greggio, i prodotti petroliferi raffinati e il gas naturale, per i quali i trasporti marittimi evidenziano una vera e propria specializzazione. Peraltro, i prodotti agricoli e alimentari rappresentano per i traffici delle merci via mare una quota ben superiore anche a settori trainanti della manifattura italiana o che rappresentano una voce importante dei consumi, come la meccanica (5,1%), la chimica (6%) e il tessile (7,4%).

Ad oggi,  sono sempre più i traffici marittimi internazionali a rappresentare la parte preponderante per i flussi di derrate alimentari (72%), movimentando complessivamente 18,9 milioni di tonnellate di cibo a fronte di 7,3 milioni di tonnellate che da porti italiani si imbarcano verso altri porti del Paese.

Il sistema portuale italiano presenta numeri importanti riferiti al comparto agrifood: nel 2013 sono state quasi 33,6 milioni1 le tonnellate di derrate alimentari transitate attraverso i nostri porti, corrispondenti al 7,3% del totale delle merci imbarcate e sbarcate, e provenienti sia da porti italiani che esteri. Quattro sono i porti di riferimento in Italia per questo mercato:  • Ravenna, che con quasi 3,5 milioni di tonnellate movimentate è l’hub incontrastato dell’agrifood,  • Livorno (2,8 milioni)  • Venezia (2,5 milioni)  • Gioia Tauro (2,4 milioni).

Questi quatto scali collezionano circa un terzo (il 33,2%) delle derrate alimentari transitate nei porti italiani, mentre se si guarda ai soli trasporti internazionali la quota sale al 44,3%.  Gli scali a forte vocazione agroalimentare sono i porti di Chioggia, Bari e Ancona:si va da un milione di tonnellate di Chioggia a 1,3 milioni ad Ancona fino a 1,4 milioni nel porto di Bari – In questi porti il traffico di prodotti agricoli e alimentari rappresenta una quota sul totale delle merci ben più rilevante, e che varia tra il 43,4% al porto di Chioggia, il 41,6% in quello di Bari e il 32,5% ad Ancona.

Nel corso degli anni è stata rilevante l’attenzione riposta su policy in grado di trasferire su nave una quota delle merci trasportate su gomma, attraverso lo sviluppo di traffici multimodali (strada-mare) in luogo del tutto-strada.

L’importanza del trasporto marittimo si coglie immediatamente considerando che se si dovessero spostare su gomma i prodotti agroalimentari trasportati in cabotaggio nazionale (7,35 milioni di tonnellate nel 2013) occorrerebbero 5.236 TIR, sostanzialmente una colonna di mezzi pari alla distanza che separa Bologna da Parma (98 km).Al vertiginoso incremento del traffico corrisponderebbe un sensibile incremento annuo del numero di incidenti: sarebbero 297 i veicoli coinvolti negli incidenti aggiuntivi, che causerebbero la morte di 3 persone e il ferimento di altre 118, con un costo sociale quantificabile in circa 9,6 milioni di euro annui. Vi è, infine, anche una dimensione ambientale da prendere in considerazione, che stima in 1,2 le tonnellate aggiuntive di CO2 immesse nell’atmosfera se, al posto delle navi, i trasporti di derrate alimentari oggi svolti in navigazione di cabotaggio venissero effettuati da autocarri.

Sotto il profilo della pesca, l’Italia occupa in quantità solo la sesta posizione continentale in termini di produzione di pesce, con 363mila tonnellate (il 6,2% del totale) ed è scesa di svariati punti percentuali dal 2008 (-5,7%). Su di essa ha impattato soprattutto la netta contrazione delle catture (-15%), mentre di segno opposto è il trend dell’acquacoltura (+9,1%), che oggi sfiora il 45% del prodotto,con quasi 163mila tonnellate, a fronte delle circa 200mila di pescato. Questi stock di produzione ittica sono peraltro realizzati per la gran parte da una flotta in lento ma progressivo ridimensionamento.

A fronte del calo sostanziale della flotta peschereccia e di quello contestuale della produzione, il mercato ittico italiano ricorre sempre più ampiamente ad approvvigionamenti dall’estero per far fronte alla domanda crescente delle imprese alimentari e dei consumatori finali. Peraltro, quello ittico è un prodotto sempre più differenziato, a seconda non soltanto della tipologia di prodotto, ma anche delle aree di produzione e delle tecniche di allevamento o cattura, e crea oggi spazi crescenti di attività ai vari livelli della filiera – dalla produzione al trasporto, dalla distribuzione alla ristorazione – e per le varie gamme di prodotto. L’Italia in questo ambito offre delle interessanti opportunità agli operatori, come dimostra la sua presenza tra i principali importatori di pesce al mondo, per un valore complessivo di oltre 5,5 miliardi di dollari.

Articoli Correlati

MILANO – Maggio 04, 2020 – In questa situazione di emergenza, Oro Saiwa riconferma il suo voler essere a fianco degli italiani e decide di  scendere in campo al fianco della Croce Rossa, in prima linea nella battaglia contro il Coronavirus con il progetto “Buona Colazione con Oro”. Attraverso questa iniziativa Oro Saiwa donerà migliaia...

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Un nuovo, ulteriore passo verso la sostenibilità da parte dell’azienda che certificherà i suoi prodotti con il logo BGreen. Milano, 4 maggio 2020 – Fratelli Beretta, il Gruppo italiano leader nella produzione e distribuzione di salumi, compie un significativo passo nella direzione della sostenibilità ambientale. A partire dalla metà del mese di aprile, le confezioni...

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Fabbri nasce a Lucca, in Toscana, la regione olearia più famosa del mondo, dove le persone conoscono l’olio di oliva, ne apprezzano e sanno riconoscere il valore.È grazie alla fiducia dei nostri consumatori, costruita e mantenuta nel tempo, che abbiamo saputo disegnare la fisionomia della nostra azienda, ed è imponendo a noi stessi un rigore...

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Dopo un’esperienza maturata fin dal 1986 nel settore ortofrutticolo, Alessandro e Daniela Morganti intuiscono che il mercato è alla ricerca di vegetali cotti e pronti per essere consumati; così nel 2009 costituiscono la Morganti Srl, azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di verdure cotte della V gamma. A Basilicanova, in provincia di Parma, culla del...

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram